Sei già registrato? Entra oppure Registrati

Sfida a fior di pelle

di CHARLENE SANDS

Lavorare con un vecchio nemico - diventato nel frattempo un rubacuori multimilionario - potrebbe costare molto caro a un’ex ragazza acqua e sapone. Ma per Lisa Mills ottenere quel grande progetto è il sogno di una vita e soprattutto la svolta definitiva della sua carriera. Peccato che, quando si presenta al colloquio, è Matt Sullivan ad aprirle la porta. Fortunatamente lui sembra non riconoscerla anche perché è diventata una bella donna in carriera. ma è solo questione di tempo: che cosa risponderà quando Matt le chiederà un appuntamento?

5
lettura da 3 minuti

Matt aveva promesso di stare alla larga dalle donne per un bel po' di tempo. Non avrebbe dovuto uscire con Lisa, quella sera. Due mesi prima, si era ritrovato con il cuore spezzato, dopo aver trovato la sua fidanzata a letto con l’ex marito. Aveva deciso di comportarsi da persona per bene e non aveva mai parlato male di Arianna in pubblico. Ma la stampa aveva interpretato il suo silenzio come un’ammissione di colpa e il suo nome era stato infangato nonché vilipeso su tutti i tabloid.

Si era rifugiato in casa di Dylan per ritirarsi, riorganizzarsi e recuperare le forze. Era il suo nascondiglio segreto. Nessuno lo avrebbe disturbato sulla spiaggia di Moonlight. Tutti sapevano che Dylan era fuori a girare un film. E Matt sapeva come nascondersi, coprendosi la testa con un cappello e allontanandosi da tutti gli spiaggianti che avrebbe incrociato. La villa di Dylan era abbastanza lontana dalla riva da garantirgli la riservatezza necessaria.

Matt era un solitario. Un ansioso. Un irrequieto. Stava cercando la sceneggiatura giusta mentre si leccava le ferite, l’ultima cosa che voleva era rimanere invisciato in qualche storia… eppure era rimasto molto colpito da Lisa. Vederla era stato come accendere una scintilla in una giornata noiosa.

Erano seduti fuori sulla veranda di Dylan che si affaccia sulla spiaggia. "Sei sicura che non vuoi andare da qualche altra parte?" Gli sarebbe piaciuto portarla in un bar o in discoteca. "C'è un posto sulla spiaggia a pochi passi da qui che fa i migliori margarita del mondo". Il proprietario gli avrebbe garantito che non sarebbero stati disturbati.

"No, grazie, è così bello qui." Lisa sorseggiò il vino bianco e lo guardò al di sopra del bicchiere. "Non posso trattenermi per molto. Hai detto che eri curioso di sapere del mio lavoro?"

Stava forse prendendo le distanze? Matt se ne stupì molto. Di solito aveva l'effetto contrario sulle donne. "Sì. È una forma d'arte unica, vero?” le chiese.

"Biologica, la gente ama definirla così. E risponde alla crescita dell’interesse per i giardini.”

Matt scoppiò a ridere. E a Lisa sfuggì un sorriso che le illuminò gli occhi ambrati. Erano a forma mandorla e grandi, la cosa più bella che aveva. Lisa Mills gli piaceva da morire. Aveva trascorso i restanti quindici minuti ad ascoltarla parlare mentre spiegava come avesse realizzato i suoi sogni lavorativi. E intanto cresceva l'ammirazione per il suo talento.

"Allora, mi stai dicendo che costruisci le tele con la terra?"

"Esatto, quando i miei disegni richiedono una cornice o uno sfondo” spiegò. "Per ora il nostro laboratorio è il mio garage".

Lisa indossava un paio di jeans elasticizzati e una maglietta aderente. Matt cercò di non pansare a quell'immagine sexy. "Mi piace l'idea di una donna che lavora con le mani".

"E a me piace il mio lavoro".

I loro occhi si incrociarono e una scintilla passò tra loro. Matt avvertì il bisogno di toccarla. "Lisa, c'è qualcosa di te che mi sfugge…” le disse infine, prendendole la mano.

Lisa distolse lo sguardo ritraendo la mano.

Dannazione! gli piaceva tantissimo. Non voleva che se ne andasse. Per una qualche assurda ragione a cui non sapeva dare nome, voleva che lei lo amasse. "Dire che ti trovo interessante, intelligente e affascinate è dire poco. Mi piacerebbe portarti fuori a cena, una di queste sere, per conoscerti meglio".

Lisa rimase in silenzio.

"Ci verresti?"

"Matthew Sullivan che mi chiede un appuntamento?"

"Perchè, che c’è di male?"

"Io pensavo che tu fossi interessato solo ai miei disegni."

Matt eruppe in una fragorosa risata e svuotò il bicchiere. Quella donna lo teneva sulle spine. Era fantastico e inaspettato. "Questa non è una risposta, Lisa."

Ogni mercoledì un nuovo capitolo!
< Vai a Capitolo 4 Vai a Capitolo 6 >