Sei già registrato? Entra oppure Registrati

Sfida a fior di pelle

di CHARLENE SANDS

Lavorare con un vecchio nemico - diventato nel frattempo un rubacuori multimilionario - potrebbe costare molto caro a un’ex ragazza acqua e sapone. Ma per Lisa Mills ottenere quel grande progetto è il sogno di una vita e soprattutto la svolta definitiva della sua carriera. Peccato che, quando si presenta al colloquio, è Matt Sullivan ad aprirle la porta. Fortunatamente lui sembra non riconoscerla anche perché è diventata una bella donna in carriera. ma è solo questione di tempo: che cosa risponderà quando Matt le chiederà un appuntamento?

3
lettura da 3 minuti

Lisa aveva bisogno di un minuto per riprendere il fiato. Si aggrappò alla balaustra in cima alla scala e respirò a fondo. I ricordi si affollarono convulsi nella sua mente, a quando per un crudele scherzo era stata votata come Prom Queen. E a quando il ragazzo più popolare della scuola, Matt Sullivan, le aveva chiesto di uscire ma solo per fare di lei la barzelletta del liceo. Goffa e innamorata, lei aveva contriubuto con le sue stesse mani a quella totale umiliazione.

"Bisogna andare al ballo di fine anno, Cookie” le avevano detto le sue migliori amiche Celia Metcalf e Allie Silver. "Mostreremo quanto valiamo e che le ragazze possono andare alle feste anche da sole."

Avevano ragione. Non voleva perdere la festa dell'anno solo perché non aveva un ragazzo. Aveva comprato un vestito di due taglie in meno della sua ed era entrata in quella palestra con la testa alta.

"Lisa?". Matt si avvicinò accanto a lei. "Ecco il tuo computer portatile. Spero che non ti dispiaccia, ma ci ho sbirciato dentro". Lei si morse il labbro, cacciando via i dolorosi ricordi. Doveva ricordarsi con chi aveva a che fare. Da tutto quello che aveva letto su di lui, Matt Sullivan aveva collezionato una serie infinita di donne, aveva anche sposato il presunto amore della sua vita ed era stato scaricato solo un po’ di mesi fa. Secondo i tabloid, lui l’aveva tradita e lei l’aveva lasciato quasi su sue piedi. Ma Matt Sullivan aveva delle fan che gli avrebbero perdonato quasi tutto. Se fosse mai caduto in digrazia, sarebbe sempre caduto in piedi.

"No, non mi dispiace” replicò lei sovrappensiero.

"Ci sono dei disegni… incredibili! Mi mostrerai che cosa intendi fare per Dylan?" le chiese entusiasta. Un attimo dopo la guidò in camera da letto.

Quando Dylan le aveva mostrato la sua camera da letto per la prima volta, l'illuminazione nella suite padronale le aveva ricordato la luce del sole che faceva capolino attraverso generose finestre che si affacciano sul Pacifico. Moonlight Beach era un santuario per i ricchi e famosi. Lisa stentava a credere di essere lì con la sua nemesi del liceo.

Era contenta che non l'avesse riconosciuta, ma nello stesso tempo lo stava vivendo quasi come un insulto.

Un settimino da una parte e varie sedie erano sparsi per l’ampia stanza. Matt si sedette sul letto.

Lisa sospirò e infine andò a sedersi accanto a lui, aprendo il quaderno. "Questi sono i miei disegni per questa stanza” iniziò indicando i suoi schizzi. "Ho creato questa tela viva per la parete opposta. Quando avrò terminato, sarà tutto un tripudio di tonalità che andranno dal color calce, all’acqua e al color verde bottiglia. E che faranno posto a mano a mano alla lavanda e al viola, simboli della vita e che avranno la forma di una D. Sarà un lavoro raffinato e sarà divertente vedere i colori dei fiori che si fondono l'uno all'altro mentre crescono".

"D… per Dylan? Affascinante! Ho visto giardini verticali, ma quello che fai tu è davvero speciale, complimenti. Come sei entrata in questo tipo di arte, riuscendo addidittura a trasformarlo in business?” le chiese infine.

Lisa richiuse il taccuino con un gesto nervoso. Ne avava abbastanza di parlare con Matt. Non gli avrebbe permesso di lasciarsi sedurre dai suoi complimenti. "Temo che dovrò raccontarti tutto un'altra volta: ho un programma molto serrato, per questo progetto".

"Certo, scusa. Ammetto di essere molto incuriosito, Lisa." Il suo nome pronunciato dalle labbra di lui le sembrò come una crema dolce. "Oltretutto, quello che vuoi realizzare qui sarebbe perfetto per i miei nuovi uffici di produzione in città. Ti andrebbe di bere qualcosa insieme stasera? Mi piacerebbe saperne di più sul tuo lavoro".

Ogni mercoledì un nuovo capitolo!
< Vai a Capitolo 2 Vai a Capitolo 4 >