Sei già registrato? Entra oppure Registrati

La Regina del deserto

di MAISEY YATES

Da cameriera... a Regina! Determinata a non sentire mai più l’umiliazione del rifiuto inflitta dal suo ricco padre, la bella cameriera Elyse ha giurato di proteggersi dal dolore. Tuttavia la sua decisione va in frantumi quando il tocco del seducente e peccaminoso Sceicco Khaled accende una passione che Elyse non ha mai provato prima...

Per anni, lo Sceicco Khaled si è trincerato dietro al senso di colpa dovuto alla morte di sua moglie. Una notte, però, Elyse aprirà un varco nella sua armatura, minacciando di lasciare scoperte le cicatrici del suo passato. Khaled abbasserà la guardia per dare a Elyse il finale da fiaba che ha sempre sognato... facendola diventare la sua regina?

16
lettura da 2 minuti

Mi ritrovai ad arretrare sul morbido materasso, ma avevo la sensazione di scivolare a terra.
"Non dirlo."
Il suo tono era duro, di comando. Non lasciava spazio a discussioni. Ero passata oltre i confini sociali e le regole che mi avevano guidato per tutta la vita, e ora non mi importava più nulla.
"L'ho detto” dissi. "Perché è vero, in questi mesi... Il motivo per cui ti ho resistito era perché sapevo che sarebbe arrivato questo momento: non capisci? Non avevo altri amanti. Non è un caso che io ora giaccia qui con te. Prima non avevo altra scelta: mi stavo proteggendo dal fatto che mi avresti spezzato il cuore, e in te vedevo non solo il desiderio più intenso, ma soprattutto la più chiara e certa possibilità di rimanere scottata, eppure ho accettato il rischio.”
Si mise a sedere, i muscoli del suo torace si irrigidirono mentre si sollevava dal letto. "Allora sei pazza se sapevi come sarebbe finita, perché mi dici che mi ami? Che senso ha?"
"Dopo quello che hai detto su tua moglie, come mi puoi fare una domanda del genere?"
"Non parlare di Layla con me."
"Tu eri quello che parlava di lei, non io… sei stato tu a parlarmi di lei."
"Perché avevo bisogno che tu capissi. Avevo bisogno che tu capissi con che tipo di uomo hai a che fare."
"Che senso aveva sedurmi, Khaled?" chiesi, la rabbia s’irradiava in ogni fibra del mio corpo, così forte, così intensa da essere quasi una presenza fisica.
"Ti volevo."
Le parole erano crude, semplici, eppure sentivo che c’era un’infinità di altre cose non dette. "E questo è tutto? Perché? Avresti potuto avere qualsiasi altra donna, lo sappiamo entrambi, perché hai scelto me, perché hai scelto qualcuno che ha passato anni a resisterti?"
"Non è così semplice."
"Certo che no, ora magari mi dirai pure che prima era tutto così facile, che il desiderio era forte, che prima o poi mi sarei arresa perché ti volevo e che non c'era motivo di resistere a una tentazione così forte. Ora che è tutto finito, mi dici invece che è complicato."
"Prima di te, non volevo nessun'altra donna che non fosse mia moglie, non ho... avuto un'altra donna dopo Layla, lo vedi che è complicato?"

Ogni mercoledì un nuovo capitolo!
< Vai a Capitolo 15 Vai a Capitolo 17 >